Rosa Montero’s reading about Noke

Featured

And… this is the version in English of the interview that Simba Schumann has done to Rosa Montero about her book Lacrime nella Pioggia (Lágrimas en la Lluvia, Tears in the Rain) and my installation! ;D

Arte Libera

What a surprise to meet during the opening of “Immersive wor(l)ds” Bruna Husky , main character of “Tears in the rain”, the novel that has inspired Noke Yuitza’s work. Was really her, the combact replicant, with a tatoo that divides her face and then go on in all her body, dividing her (or maybe linking her, as in the book we can read). behind that avatar there was really Rosa Montero, the author of the book, who entered in sl because of that opening. Rosa partecipated to Noke’s work, sending her some mp3s with her personal readings of book’s fragments.

It was my pleasure knowing her and talking with her about her book and Noke’s installation: She is a very friendly person and I profits by her disponibility for making her an interview rich of curiosity and irony.

Did you know something about Secondlife’s art before this experience…

View original post 679 more words

Noke’s reading about Rosa Montero

Featured

Here it is! The English version of the interview! 😉

Arte Libera

“Tears in the rain” is the title of Rosa Montero’s novel, choosen by Noke Yuitza for her installation for “Immersive wor(l)ds“. I know Noke from many years and she ever fascinated me for her creative impetus. I like to observe her while she works to an installation, with accuracy and care to every details untill the last time. Arte Libera hosted her with pleasure for other two installations and it’s ever an emotion to work with her. This time she has involved me so deep in her work, because she asked me to be her model for three characters of the book, three women in a future world, very different from my common avatar. It was very funny and I was so curious that I’ve red Rosa Montero’s book before the opening for being sure to understand everything I saw.

Two words about Noke: she studies Fine Arts…

View original post 703 more words

Rosa Montero legge Noke..

Simba Schumann interviews Rosa Montero about my installation inspired in her book Lacrime nella Pioggia (Lágrimas en la Luvia, Tears in the Rain). This is the Italian version.

Arte Libera

Che sorpresa sabato mattina, in occasione dell’inaugurazione di “Immersive wor(l)ds“, ritrovarsi facca a faccia (virtuali ovviamente) con Bruna Husky, la protagonista di “Lacrime nella pioggia“, il romanzo di Rosa Montero (Salani Editore) che ha ispirato l’istallazione di Noke Yuitza. Era proprio lei, la replicante  da combattimento, caratterizzata da un tatuaggio che le riga il viso per poi scorrere su tutto il suo corpo, dividendola in due (o forse tenendola unita, come si legge nel libro). Ebbene dietro quell’avatar si celava niente meno che la stessa Rosa Montero, autrice di “Lacrime nella pioggia”, che era entrata in sl proprio per curiosare in quella istallazione, alla quale ha peraltro partecipato direttamente, fornendo all’artista degli mp3 con  frammenti di libro letti in spagnolo direttamente da lei.

E’ stato davvero un piacere conoscerla e poter scambiare qualche opinione su questo libro che ho appena finito di leggere e sull’istallazione…

View original post 758 more words

Noke’s reading about Rosa Montero

“Tears in the rain” is the title of Rosa Montero’s novel, choosen by Noke Yuitza for her installation for “Immersive wor(l)ds“. I know Noke from many years and she ever fascinated me for her creative impetus. I like to observe her while she works to an installation, with accuracy and care to every details untill the last time. Arte Libera hosted her with pleasure for other two installations and it’s ever an emotion to work with her. This time she has involved me so deep in her work, because she asked me to be her model for three characters of the book, three women in a future world, very different from my common avatar. It was very funny and I was so curious that I’ve red Rosa Montero’s book before the opening for being sure to understand everything I saw.

Two words about Noke: she studies Fine Arts at the University of Barcelona and she has the homologated title in coreography and “escenografía” and Audivisual technician. She is in sl from many years, because she loves to experiment in creativity, finding a link betweeen her passions: art and science.

Here there is Noke’s interview for Immersive wor(l)ds:

Why have you choosen “tears in the rain” for this installation? What in this book has catch you?

We are experimenting a bloom inside social technologies (social medias and metaverse platforms) and technologies that can reproduce life (as those insect robots that uses the NASA or transgenics). So, each day, we are falling into a deeper connexion with technology. In the future, this romance between biologic life and artificial life will be more complex, but how much? And how can affect us?

Lacrime nella Pioggia is one of those big stories, on the line of Blade Runner and Ghost in the Shell, that can imagine a realistic future with sense, one that can be familiar for us although all, with quite similar social situations than we have in this present time and similar way to feel. Probably because Rosa Montero, the author, it’s also a journalists and she has a critic eye for the analysis. And also there it is Bruna Husky, woman, detective and replicant, it’s main character, a well constructed one with a lot of details that approaches us to herself. She lives a complex moment  cause she knows she is going to die in a few years, so she is intense… These united to the concept of the fragility of the memory, one of the strong lines of the book, is what made that a cyberpunk as me choose this book 😉

It’s characters, specially Bruna, and all that one can read in and behind the words. Rosa Montero has created not a book, but an universe with Lacrime nella Pioggia, something very rare to achieve, specially because it’s just one book.

Your installation is very rich and complex, can you tell us something about?

It’s a rich and complex story too, so… I’ve just done here an approach to Bruna, to her evolution along the story. I had other 2 installations, small ones, based on the “story behind the story” of Lacrime nella Pioggia: Future Communities (for the SL9B) and Alien Humanity (for the UWA’s Challenge). The 1st one acts like a pre-story and the second concludes the circle.

Lacrime nella Pioggia is the biggest one and the closer to the book. The installation has 3 floors: the first one, the landing point, introduces the story, the one at the bottom is an incursion inside Bruna and the middle one is her moment of awakening, closer to the end of the story. I also have the special collaboration of the author so when you walk around it, you can listen Rosa Montero’s voice reading some fragments of the original book in Spanish. She is quite cool, one of those artists of the word that it’s closer to people, so when I ask her, she offers her help to me with more than I was waiting. As result, she recorded 16 fragments specially for this intervention.

How you came in this virtual worlds with this desire to experiment?

Social technologies are like candy to me. I love all that is interactive and immersive and specially I’m interested in games as platforms for education and culture. Some years ago I was writing an article about Education and Second Life for the blog of my non-profits Ciència Oberta (Open Science), so i decided to “live the adventure” and download it.

As a result, I ended using SL to develop some projects for them, and also for to present a couple of works for some of my subjects in Fine Arts (Universidad de Barcelona) among a lot more. One was held my Arte Libera: The SandMan, based on ETA Hoffmann’s story. If one has the apple of creativity inside, virtual worlds can be a good tool to use it as interactive canvas and do a lot of creative experiments. They are pure “techno-candies” for developers and artists.

Noke’s  installation will be in Brera untill the end of July, you can see it at this link.

(Simba Schumann, Pictures by Wizardoz Chrome))

Interview: Noke legge Rosa Montero

Featured

 

Lacrime nella Pioggia, replicant eye

Lacrime nella Pioggia, replicant eye

The following article is the interview in Italian that Simba Schuumann, from Arte Libera, did to me during my presentation of Lacrime nella Pioggia for “Immersive wor(l)ds“. I hope you’ll like!

Lacrime nelle pioggia” è il titolo del romanzo della scrittrice spagnola Rosa Montero (Salani Editore), scelto per l’istallazione diNoke Yuitza per “Immersive wor(l)ds“. Conosco Noke ormai da diversi anni e resto sempre affascinata dal suo impeto creativo. Mi piace osservarla mentre lavora a un’istallazione, con precisione, attenzione ad ogni dettaglio, cura fino all’ultimo momento di ogni particolare. Arte Libera ha già avuto il piacere di ospitarla altre due volte ed è stata sempre una grande emozione. Questa volta, poi, Noke mi ha coinvolto fino in fondo nell’istallazione, chiedendomi di farle da modella per alcune foto e così mi sono ritrovata ad impersonare tre personaggi del suo libro con tre avatar diversi, tre personaggi di un mondo del futuro, molto diversi dal mio avatar consueto. E’ stato divertente e mi ha ovviamente incuriosita al punto da spingermi a leggere entro l’inaugurazione il libro di Rosa Montero, proprio per il desiderio di capire di più tutto quello che vedevo.

Continue reading the full interview… 

 

Rosa Montero legge Noke..

Che sorpresa sabato mattina, in occasione dell’inaugurazione di “Immersive wor(l)ds“, ritrovarsi facca a faccia (virtuali ovviamente) con Bruna Husky, la protagonista di “Lacrime nella pioggia“, il romanzo di Rosa Montero (Salani Editore) che ha ispirato l’istallazione di Noke Yuitza. Era proprio lei, la replicante  da combattimento, caratterizzata da un tatuaggio che le riga il viso per poi scorrere su tutto il suo corpo, dividendola in due (o forse tenendola unita, come si legge nel libro). Ebbene dietro quell’avatar si celava niente meno che la stessa Rosa Montero, autrice di “Lacrime nella pioggia”, che era entrata in sl proprio per curiosare in quella istallazione, alla quale ha peraltro partecipato direttamente, fornendo all’artista degli mp3 con  frammenti di libro letti in spagnolo direttamente da lei.

E’ stato davvero un piacere conoscerla e poter scambiare qualche opinione su questo libro che ho appena finito di leggere e sull’istallazione di Noke e mi ha colpito la sua disponibilità nei confronti di “noi avatar”, di cui ho subito approfittato per strapparle un’intervista ricca di curiosità e aneddoti divertenti.

Eccola:

Conoscevi Secondlife prima di questa esperienza con Noke?

Si, la conoscevo davvero bene. Sono entrata in Secondlife sei o sette anni fa e vi sono stata molto attiva per sei mesi o più… Il mio avatar prese allora il nome di Bruna Kusky. E’ un nome che ho già usato per molte cose, per esempio, il mio twitter è @BrunaHusky. Così, quando ho creato la mia replicante nel romanzo, ho pensato di chiamarla con il mio nome Secondlife. Ora non entro molto in Secondlife, o meglio, ci entro solo talvolta per assistere ad alcuni eventi, come quello di Brera pochi giorni fa, o quello organizzato lo scorso anno proprio per il lancio di “Lacrime nella pioggia”. Mi sono divertita molto in SL, ma ora penso che la mia esperienza lì si sia esaurita. Al momento è uscito un romanzo, chiamato in Italia “Notturno di sole” (in Spagna ” Intrucciones para salvar el mundo” che parla molto di Secondlife e presenta alcune scene ambientate lì.

Qual è stata la tua prima impressione sul lavoro di Noke ispirato a “Lacrime nella pioggia”?

Ah, mi è piaciuto moltissimo!!! Penso che lei si davvero creativa, brillante e originale… Ho trovato fantastica l’intera istallazione, ma la parte più bella per me è il terzo piano con la testa di Bruna la replicante che galleggia in un mare di lacrime… Talmente potente, bella e visionaria””” Davvero magnifica.

Ho letto il tuo libro e mi ha colpito l’atmosfera e l’universo che tu hai saputo creare intorno ai tuoi personaggi. Trovo che sia una storia in cui i personaggi siano in un certo senso solo suggeriti al lettore attraverso i loro sentimenti e la loro personalità, ma poi tu lasci loro la possibilità di andare oltre le parole e immaginare molto altro su di loro. Noke ha fatto proprio questo nella sua istallazione, ha condiviso con noi il suo sguardo profondo su ogni personaggio e su ogni dettaglio che ha scelto di sottolineare. Tu ti trovi daccordo con la sua lettura personale? C’è in questa istallazione qualcosa che va oltre il tuo proprio universo?

La cosa più interessante è vedere che cosa un’artista dotata come Noke ha immaginato al di là del romanzo. Voglio dire che non mi interessa vedere “illustrazioni digitali” del mio romanzo, ma la sua idea, il suo mondo. Questo è quello che lei ha fatto e, come ho detto, è un lavoro meraviglioso. E’ il suo mondo, ma in effetti l’ho visto molto vicino alla mia sensibilità e a quella di Bruna Husky.

Ho trovato molto interessante l’interazione fra l’istallazione e gli avatar dedicati. Sabato tu eri Bruna Husky nell’ambientazione di Noke e io Mirari. Che cosa ne pensi di questa possibilità?

Che è stata una cosa superba!!! Tu eri fantastica come Mirari e io ho sentito un’emozione particolare nell’essere lì, nel cuore artistico del mio romanzo (l’istallazione di Noke), io con il mio avatar Bruna e tu come Mirari…. Uau!!!! E’ stato eccitante, un senso di vertigine…

Spesso accade che un romanzo diventi la sceneggiatura di un film e in quel caso il regista ci offre la sua lettura personale della storia. Pensi che la complessità di lavori come quello di Noke può aprire nuove possibilità di interazione fra arti differenti?

Io non voglio fare sceneggiature dei miei romanzi, né fare da supervisore per eventuali film. Come ho detto prima sull’arte, trovo molto più esaltante cedere che cosa un regista sappia tirar fuori dal tuo romanzo. Ho scritto un libretto per una versione operistica di uno dei miei romanzi e ho collaborato alla versione a fumetti di “Lacrime nella pioggia”, che è già stata pubblicata. In questo momento sto collaborando per un film di animazione digitale che un artista argentino, Ryan Acosta, sta iniziando a preparare sempre su questo romanzo… Inoltre sto lavorando a un esperimento con un club di lettori in cui “Lacrime nella pioggia” fornirà materiale di lettura e di lavoro. Sono aperta a tutto…

Ricordo infine che è possibile scaricare qui  (su questo post: Artwork: Lacrime nella pioggia, inspired in Lacrime nella pioggia by Rosa Montero) il primo capitolo del libro in italiano e preannuncio con gioia che in autunno Rosa ci ha promesso di tornare in sl per una chiacchierata su questi temi.

L’istallazione di Noke resterà in Brera fino alla fine di Luglio. E’ quindi ancora possibile visitarla a questo link

(Simba Schumann, foto di wizardoz chrome)

II Cumbre de Arte Iberoamericano del MKAC en Second Life | Suite101.net

Bajo el lema Viajeros del Arte, esta cumbre virtual hermana de nuevo a 47 artistas de Latinoamérica, Portugal y España, que durará hasta casi Navidad.

El color, en su esplendorosa riqueza de tonalidades, es lo primero que sorprende y envuelve al visitante en esta II Cumbre de Arte Iberoamericano que, bajo el lema Viajeros del Arte, organiza la galerista Yolanda Arana, a.k.a Ina Karura, en su museo virtual, el MKAC (Museo Karura Art Centre), en el metaverso de Second Life, y que muestra las 92 exuberantes obras de los 47 artistas plásticos que colaboran en este proyecto representando a sus países.

El Proceso Creativo

Future Sea Emotions Exhibit in Art Gallery Du Charson, Suisse, SL.

Qué es el proceso creativo? Es común para todos? En qué bases se asienta?

Silene Christen me entrevistó sobre este tema para el WordPress del Life Art Group en el siguiente link:

El Proceso Creativo: Noke Yuitza

El objetivo era “conocer como se desarrolla una obra, desde su concepción hasta su finalización”, tal y como dice S. Christen en Life Art, registrando el proceso creativo del artista. La obra elegida para esta entrevista fue Our World On Fire, hoy en día visitable en la Art Gallery Du Chardon, ubicada en el sim Suisse del metaverso Second Life.

Our World on Fire in movement.

Espero que os guste!